L’apicoltura didattica incontra quella sociale

Realizzazione di uno spazio all’interno del quale verrà sistemata:

1) un’arnia da osservazione con all’interno un telaino di api, utilizzato per far vedere la regina, la differenza morfologica con le altre api e le varie attività svolte all’interno dell’alveare, l’utilizzo dello spazio da parte
degli insetti;

2) un’arnia senza api ma con telaini melario e cera costruita per far vedere dove vengono allevate le api
e producono il miele;

3) l’intera linea di smielatura (disopercolatrice, smielatore) e di invasettamento; i presenti potranno assistere al ciclo completo di estrazione, “dal favo al vasetto”. Attraverso l’utilizzo del coltello e della forchetta verranno ripuliti i telaini dei melari, poi inseriti nella disopercolatrice che toglierà in maniera automatica la cera presente nei lati. A questo punto verranno sistemati nello smielatore motorizzato che farà uscire il miele, a sua volta filtrato per togliere le impurità e riposto nel maturatore.

Lo spazio è gestito dai tecnici dell’Associazione Apicultori delle province toscane, eventualmente aiutati da alcuni detenuti degli Istituti penitenziari dove l’Associazione opera.

Quando l’apicoltore “agricoltore” diventa utile in cucina

All’interno dell’area cooking, la realizzazione di un momento durante il quale gli chef, con l’ausilio degli apicoltori, realizzano piatti a base di miele.
Il miele non sarà solo un semplice un ingrediente ma si riuscirà a far capire l’importanza di questo alimento e come saperlo sfruttare al meglio.
Se possibile dedicare un premio ad un piatto con miele.
Il momento sarà gestito da un docente dell’Albo Esperti Assaggiatori del Miele.




Il club del miele

Realizzazione di uno spazio all’interno del quale verranno allestiti tre aree dove esporre ed assaggiare le seguenti tipologie di miele:
  • i mieli toscani
  • selezione dì mieli italiani forniti (dall’Albo Esperti Assaggiatori del Miele)
  • i mieli della Provenza, zona con la quale potrebbe nascere un gemellaggio, anche in considerazione della presenza di agriturismi in quella zona.
Previste anche delle sedute di assaggio a numero chiuso, durante le quali saranno impartite nozioni di analisi sensoriale del miele Spazio gestito dall’Associazione Apicoltori delle province toscane e da un docente esperto dell’Albo Esperti Assaggiatori del Miele.

Convegnistica


Un importante momento convegnistico, organizzato dall’Associazione Apicoltori delle province toscane in collaborazione con Agri@tour, accompagnerà l’offerta espositiva e didattica. Sono coinvolti gli attori principali del settore, le Associazioni e gli opinion leader sui temi più attuali quali la lotta alla varroa e gli aspetti legislativi.




Mostra mercato dei prodotti dell’alveare

Parte dedicata alla vendita dei prodotti dell’alveare e spazio dedicato ad aziende che con i prodotti dell’alveare realizzano altri prodotti (cosmesi ed erboristeria) Organizzato dall’Associazione Apicoltori delle Province toscane

Mostra mercato delle attrezzature per l’apicoltura

  • Tecnologie, prodotti ed attrezzature occorrenti per l’impianto, la cura, la movimentazione dell’apiario
  • Tecnologie e attrezzature per l’estrazione, maturazione, conservazione e offerta dei prodotti dell’alveare
  • Arnie, banchi disopercolatori, maturatori, smelatori, sceratrici, attrezzature e impianti per l’apicoltura hobbistica e professionale.
  • Prodotti dell’alveare, mieli poliflora, mieli monofora, mieli tipici e pregiati, polline, propoli, cera vergine, gelatina reale.
  • Derivati per farmacia, erboristeria, cosmetica o Prodotti sanitari per la profilassi e la cura delle api o Api regine e sciami d’api
  • Editoria specializzata o Enti, Associazioni, Servizi.